BEAUTY AND WELLNESS WITH EXERCISE AND NUTRITION

adventure, beauty, dieta, equilibrata, salute, soia, vegan, vegano, vegetarian, vegetariano, welfare

VELISTA SALUTISTA

La vacanza in barca a vela è una tipologia di viaggio tra le più piacevoli. Ovviamente non è adatta per chi non può fare a meno di tutte le comodità dell’albergo. Comunque è una cosa che consiglierei a tutti di provare almeno una volta nella vita. In particolare l’amante delle vacanze in barca è un individuo raffinato, colto e sportivo. Infatti questo tipo di vacanza è un modo naturale ed ecologico di viaggiare. In particolare è adatto a persone dinamiche, riflessive e amanti della natura.

ARRIVARE LI’ DOVE MAI NESSUNO E’ GIUNTO PRIMA (O QUASI)

Grotta, Vacanza, Sardegna, Memoria
VACANZE IN LUOGHI PARADISIACI
https://www.clickandboat.com
https://www.edenviaggi.it

Ci sono persone che possono permettersi yacht di 40 0 50 metri con un numeroso personale di equipaggio. Invece io ho un normalissima barca a vela di meno di dieci metri nella quale devo fare tutto da solo insieme ai miei compagni di viaggio che sono sempre amici o parenti.

PREPARAZIONE PER IL VIAGGGIO

La fase di preparazione di questo modo naturale ed ecologico di viaggiare inizia qualche mese prima. Infatti all’inizio della primavera porto la barca in un cantiere per l’applicazione annuale della vernice antivegetativa. E’ una sostanza particolare che ostacola la crescita di alghe e molluschi sullo scafo durante l’anno. Prima dell’applicazione della vernice antivegetativa la barca viene lasciata ad asciugare su un cavalletto affinchè evapori ogni traccia di umidità sullo scafo. Inoltre controllo se sia necessario eseguire lavori di manutenzione ordinari o straordinari. Cioè controllo l’efficienza dell’impianto elettrico e la salute delle batterie. In più verifico il buon funzionamento dell’anemometro in cima all’albero. Quindi, subito dopo la seconda applicazione della vernice antivegetativa la barca torna in acqua e, quindi al suo posto nel circolo nautico dove è abitualmente ormeggiata.

Marina, Barche, Acqua, Barche A Vela
PORTO TURISTICO PER BARCHE
https://www.sailmood.com
https://www.tramundi.it

ELENCO DETTAGLIATO

Con il sopraggiungere della stagione estiva arriva il momento per la vera e propria preparazione al viaggio in barca. Infatti è arrrivato il momento di preparare un modo naturale ed ecologico di trascorrere la vacanza. Cioè un elenco dettagliato di tutto quello che serve per un viaggio comodo e sicuro. Infatti un buon velista deve avere molto rispetto per il mare. Quindi serve un controllo del buon stato delle vele, delle cime (per chi non è un esperto di vela specifico che sono le corde presenti sulla barca), delle batterie, delle luci. del motore e dell’autoclave. Quindi bisogna assicurarsi di avere carte nautiche dettagliate del luogo in cui si trascorrerà la vacanza, Cioè una descrizione del profilo della costa e una mappa dettagliata delle profondità marine.

Inoltre è indispensabile controllare il buon funzionamento delle batterie e del loro caricatore, di tutte le attrezature di salvataggio. In particolare non bisogna dimenticare di assicurarsi di essere in regola col certificato di sicurezza R.I.N.A.

Cane, Barca A Vela, Trasporto, Yacht
PREPARAZIONE PER IL VIAGGIO
https://skippair.com

https://www.wired.it

R.I.N.A.

Il R.I.N.A. è un certificato che attesta le buone condizioni della barca e la sua idoneità a navigare. Inoltre approva la completezza delle dotazioni di sicurezza come razzi, fumogeni, zattera di salvataggio. Oltre alle buone condizioni generali della barca. I certificati rilasciati dopo il primo hanno validità di cinque anni. Ovviamente il proprietario della barca deve far arrivare la barca in condizionali ottimali il giorno del controllo. Infatti, in caso contrario rischierebbe di non ottenere il certificato di abilitazione alla navigazione.

Dopo aver fatto i lavori di manutenzione, i controllolli R.I.N.A. e un controllo generale della arriva il momento di rifornire la barca con scorte di cibo. Infatti spesso si arriva in luoghi dove non ci sono ristoranti o supermercati nelle vicinanze. La barca, se necessario deve essere un mondo autonomo, in cui deve essere presente tutto quello che è utile per il sostentamento. Quando arrivo in un porto io gradisco andare alla ricerca di ristoranti tipici locali in cui è possibile trovare ottime specialità culinarie. Comunque la barca deve contenere tutto il necessario per poter cucinare un pranzo o una cena.

Durante un viaggio in barca può capitare di voler trascorrere qualche giorno in qualche baia a contatto con la natura. Infatti mi è capitato molte volte di fare questa esperienza durante i miei viaggi in barca in Grecia. In più sono stato attento a selezionare la giusta varietà di alimenti per mantenere un buon stato di salute che potesse rendere piacevole la vacanza.

Paesaggio, Tropicale, Barca
VACANZA IN LUOGI PARADISIACI
https://www.mondovela.it
https://www.sail-ingreece.it

FIBRE, VITAMINE, BILANCIO IDRICO E SALINO

Uno dei rischi dei viaggi in barca è rappresentato dal rischio di costipazione. Cioè a causa del cambio di alimentazione e a causa delle mutate condizioni ambientali si possono verificare una serie di disturbi intestinali. Quindi bisogna fare in modo di prevenirli in modo naturale ed ecologico. Cioè bisogna mantenere l’abitudine di ingerire un adeguato apporto di fibre. In particolare consiglio di partire con una adeguata scorta di corn flakes integrali. Inoltre io preferisco fare colazione con yogurt contenente probiotici per mentenere in buona salute la flora battterica intestinale. In più limito il più possibile l’utilizzo di scatolame e cibi conservati in modo da non cambiare troppo il mio stile almentare rispetto all’alimentazione casalinga. Infatti questi cambiamenti alimentari drastici possono provocare disordini intestinali e, quindi, rovinare la vacanza.

EQUILIBRIO IDRICO E SALINO

In più se nella vita sulla terraferma ci dicono di limitare il più possibile il consumo di sale, la cosa cambia su una barca. Infatti il caldo e il sudore fanno perdere molti sali a chi viaggia in barca. Quindi sarebbe molto utile integrarli con succhi di frutta o frutta e insalate condite con un pizzico di cloruro di sodio. Infatti la disidratazione e la perdita eccessiva di sali minerali provocherebbe spossatezza e difficoltà di concentrazione che sarebbero pericolosi durante un viaggio in barca.

Oltre alle fibre bisogna essere attenti a procurarsi con frequenza verdura e frutta fresca per ottenere un apporto sufficiente di sali minerali e vitamine. In particolare è consigliata l’integrazione di vitamina idrosolubili come la B, la C e la H che vengono facilmente perdute con il sudore. Inoltre, durante le vacanze estive in barca a vela, è importante avere un apporto sufficiente di vitamina E. Infatti essa ha capacità antiossidante e azione protettiva sulla cute. In particolare durante una vacanza in barca ci si abbronza molto a causa della lunga e piacevole esposizione si raggi solari quindi la vitamina E contenuta in alimenti come la frutta secca può essere molto utile grazie alla sua azione protettiva.

Yacht, Mare, Barca, Viaggio, Nave, Ocean
IMMERSI NELLE NATURA
https://www.speedvacanze.it

IDRATAZIONE

Inoltre è importantissimo essere attenti all’idratazione. Infatti la bellezza di un viaggio volando sulle onde e spinti dal vento in modo naturale ed ecologico può far dimenticare di dover bere con frequenza. In particolare durante un lungo viaggio a vela sotto il sole è frequente il rischio di disidratazione. Infatti sulla mia barca ho buone scorte di bottiglie di acqua minerale, succhi di frutta e integratori. E’ molto utile avere queste bevande all’interno di un frigirifero. Infatti il piacere di bere una bevanda fresca spinge il viaggiatore ad idratarsi con maggiore frequenza. Spesso il vento non è suifficiente a far viaggiare la barca alla velocità desiderata. Quindi all’azione delle vele si aggiunge la spinta del motore. In questo caso il freigorifero può rimanere acceso tutta la giornata perchè l’energia consumata dal frigirifero viene fornita dalla dinamo del motore.

VACANZA SALUTISTA SEGUENDO LE REGOLE DELLA BUONA EDUCAZIONE

Invece, i velisti amanti della vela pura amano viaggiare quasi esclusivamente a vela. Quindi usando il motore solo in caso di assenza totale di vento o per le manovre all’interno dei porti. Infatti nel porto è vietato muoversi a vela per ragioni di sicurezza. In questo caso la barca a vela ha la necessità di montare generatori di corrente ecologici per dare energia a luci e frigorifero. In particolare sto parlando di pannelli solari o generatori eolici.

Inoltre concludo affermando che la vela è un modo di fare vacanza ecologico e, contemporaneamente uno sport rispettoso dell’ambiente. Quindi raccomendo agli appassionati di vela di essere sempre educati e rispettosi dell’ambiente. Oltre a non buttare in mare nessun rifiuto, soprattutto se non biodegradabile. In più bisognerebbe osservare le regole della buona educazione durante la permanenza nei portio vicino alle altre barche evitando rumori molesti.

dott. Massimiliano Mangafà

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: