BEAUTY AND WELLNESS WITH EXERCISE AND NUTRITION

beauty, dieta, dieta, salute, equilibrata, alimentazione, vegetariani, equilibrata, food, health, recipe, salute, soia, spirit, tofu, vegan, vegano, vegetarian, vegetariano, welfare

ALIMENTAZIONE SANA VIAGGIO IN MOTO

I DIARI DELLA MOTOCICLETTA

Qualcuno mi sa dire se c’è qualcosa che da un senso di libertà come un lungo viaggio in motocicletta? Infatti mi ricordo quando ero più giovane all’inizio degli anni ’90 e lessi il libro “Latinoamericana” di Ernesto Che Guevara. Forse molti lo conoscono più per la sua versione cinematografica intitolata ” I diari della motocicletta “. La storia inizia il 4 Gennaio 1952 quando due amici iniziano un viaggio partendo da Buenos Aires (Argentina). In particolare è l’inizio di un viagggio di 8000 chilometri di due amici : Alberto Granado, biologo di 29 anni e Ernesto Guevara de la Serna studente di medicina di 22 anni che tutto il mondo conoscerà come” il Chè”.

Quindi il libro e poi il film descrivono un viaggio di formazione e di amicizia ma l’argomento principale è l’esplorazione dei paesi sudamericani degli anni 50. Successivamente dopo il viaggio i due prenderanno strade diverse. Alberto andrà a vivere a Cuba dove vivrà per il resto della sua vita morendo a quasi 90 anni. Dopodichè invece Ernesto intraprenderà la carriera politica e rivoluzionaria morendo assassinato in Bolivia nel 1967.

Cuba, Mercato, Memoria, Colorato
I DIARI DELLA MOTOCICLETTA
https://www.viaggiareinmoto.com
https://www.partireper.it

IL FASCINO DI UN VIAGGIO IN MOTOCICLETTA

Leggendo il libro e successivamente guardando il film ho desiderato tante volte essere al loro posto. Infatti esplorare territori nuovi viaggiando col vento sulla faccia e in assoluta libertà è qualcosa di meraviglioso. In più la motocicletta permette di parcheggiare ovunque e di percorrere strade impossibili per un’automobile. Cioè il viaggio in motocicletta è affascinante perchè i motociclisti sono la versione moderna dei cavalieri del passato. Infatti la guida questo mezzo meccanico non ha limiti di spazio e di tempo. Cioè nel passato, dopo un percorso di di decine di chilometri a cavallo il cavaliere si fermava, stendeva una coperta per terra e accendeva un fuoco. Quindi cucinava un po’ di lardo e legumi e li accompagnava con pane e forse un poco di formaggio.

Biker, Eicma, Moto Bike, Ciclomotore
LUNGO VIAGGIO IN MOTOCICLETTA E SENSO DI LIBERTA’
https://www.motoavvventure.it

ATTENZIONE ALL’ALIMENTAZIONE

Ovviamente essa non era una alimentazione salutare e bilanciata. Infatti essi non avevano una vita molto lunga e spesso soffrivano di carenze alimentari, Analogamente il motociclista può essere definito il cavaliere moderno. Quindi spesso è costretto a fermarsi a pranzo in qualche autogrill oppure in una strada di qualche città lungo il percorso per pranzare. Sicuramente non è un modo salutare di nutrirsi. Quindi spesso si ricorre a modi di nutrirsi poco salutari. Infatti senza avere nozioni precise di nutrizione si ha la tendenza a mangiare tutto ciò che è semplice e veloce senza badare a quello che può essere nocivo alla salute nel lungo periodo.

PRECAUZIONI DURANTE IL VIAGGIO

https://www.dueruote.it

In particolare, chi viaggia in moto si muove a grande velocità ma usa poco i muscoli delle game e del resto del corpo. Quindi dovrebbe stabilire soste regolari durante il viaggio per sgranchirsi, fare un poco di streching e, soprattutto, idratarsi. Infatti, durante i lunghi viaggi c’è un elevato rischio di disidratazione. Cioè se si è concentrati nella guida ci si può dimenticare della percezione del senso della sete e della fame. Quindi, senza che ce ne rendiamo conto potremmo subire una seria alterazione dell’equilibrio idrico e salino. Ad esempio, nel famosissimo film “Easy Riders” si vedono i due protagonisti viaggiare per giorni interi a bordo della loro moto mangiando nei fast food. In altre parole non era una alimentazione realistica. Infatti se non si vogliono avere sei problemi intestinali come costipazioni o peggio è consigliabile prepararsi un piano alimentare migliore prima della partenza.

Grande, Texano, Route 66, Bistecca
ATTENZIONE
ALL’ALIMENTAZIONE DURANTE IL VIAGGIO
https://www.mensenjoy.com

REGOLE ALIMENTARI

Quindi il motociclista che vuole trascorrere una vacanza serena e in buone condizioni di salute deve valutare bene cosa portarsi insieme come scorte di cibo. Per esempio è consigliabile avere con se degli integratratori di fibre o di probiotici per mantenere in buone condizioni l’intestino. Infatti nei viaggi in moto c’è il rischio di seguire una alimentazione disordinata e povera di fibre. Quindi i disordini intestinali sono in agguato. Oltre a questo c’è il pericolo di non bere con regolarità e di trascurare il consumo di vegetali. In particolare c’è la possibilità che scarseggino nella dieta frutta e verdura. Infatti i vegetali sono più presenti in una alimentazione casalinga.

Una Corretta Alimentazione
PREFERIRE PASTI SANI
https://inmotoper.wordpress,com

In breve bisogna partitre dopo aver fatto una buona scorta di barrette con fibre o buste di insalata (queste ultime comunque vanno consumate entro uno o due giorni dall’acquisto). Inoltre è bene limitare il più possibile le bevande gassate e i cibi in scatola. In più è bene rifornirsi di cibi freschi ogni volta che si entra in un centro abitato. In breve, se si pianificano delle soste per la notte in piccoli hotel o campeggi consiglio di scegliere con attenzione il cibo di cui nutrirsi quando è possibile. Infatti l’alterazione dell’equilibrio idrico e salino nell’organismo potrebbe avere serie conseguenza sulle funzioni cerebrali riducendo la concentrazione nella guida. Di conseguenza è inutile dire che la cosa sarebbe pericolosa durante il viaggio. Un buon apporto di selenio e vitamina E protegge l’organismo dai danni dei raggi ultravioletti causati dall’esposizione ai raggi solari.

ATTENTI ALLA GLICEMIA

Quindi sarebbe utile assumerne una discreta quantità mangiando frutta secca, salmone in scatola, uova sode, pane e biscotti integrali. Inoltre le fonti di selenio sono soprattutto uovo sodo e tonno. Infine un’altro pericolo in agguato per il motoclista che ama trascorrere molte ore viaggiando sulla moto è quelli dell’ipogliocemia. Infatti dopo molte ore di viaggio senza nutrirsi si potrebbe verificare un calo del valore ematico degli zuccheri col conseguente rischio di svenimento, calo della cancentrazione, rallentamento dei riflessi. In più uno dei fattori che determinano le buone condizioni di salute di un individuo è il suo corretto equilibrio calorico e proteico nell’alimetazione. Quindi un viaggio bellissimo come può essere quello in motocicletta non può essere piacevole se non avviene in condizioni ottimali di salute psichica e fisica. Quindi consiglio a tutti i motociclisti che vogliano organizzare lunghi viaggi in moto di non sottovalutare l’igiene alimentare durante la loro avventura.

dott. Massimiliano Mangafà

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: