BEAUTY AND WELLNESS WITH EXERCISE AND NUTRITION

Senza categoria

IL PIACERE DI POSSEDERE E CURARE UN GATTO

Il gatto, insieme al cane, è l’animale domestico più diffuso e amato. In altre parole è un animale che ci fa compagnia, ispira tenerezza ed è molto affettuoso. Cioè appare come un animale indipendente e orgoglioso. Ma in realtà è felice di essere in contatto con il proprio padrone, farsi acccarezzare ed accudire. Poi si lega molto alla casa che considera il suo territorio e a tutti gli esseri viventi con cui condivide l’appartamento. Cioè il padrone è considerato come un mebro della sua famiglia. Poi, di solito, la cosa diventa reciproca. Cioè un gatto accolto in una casa diventa subito parte integrante della famiglia. In altre parole possedere un Gatto è qualcosa che cambia in meglio la vita.

Poi, prima di accogliere un gattto in casa è necessario fare alcune indispensabili considerazioni. Cioè ci si deve rendere conto che il gatto è un essere vivente. In altre parole ha bisogno di cure, attenzione e tanto amore. In più bisogna essere consapevoli che questo piccolo animale dovrà condividere con noi tutta la sua esistenza. Poi la presenza di un gatto in casa sarà per noi una immensa fonte di piacere. Anche noi dovremmo impegnarci a far vivere il gatto nel miglior modo possibile.

Cioè dovremmo rendere la nostra casa la più accogliente possibile per il nostro amico. In particolare è essenziale fornirgli una lettiera con una ghiaia di buona qualità. In particolare consiglia una ghiaia a cristalli con antibatterico. Essa infatti avrà una buona capacità assorbente e disinfettante e limiterà i cattivi odori e la proliferazione batterica. Poi è utile provvedere a fornirgli un tiragraffi. Cioè lo consiglio perchè il gatto ha bisogno di usare le unghie. Ma non è opportuno che lo faccia su mobili, tende e tappeti.

IL PIACERE DI VIVERE CON UN GATTO

https://www.gourmet-gatto.it

Gatto Adorabile Che Riposa Sui Gradini Della Casa

Poi avere un gatto è divertente, fonte di soddisfazione e di serenità. Cioè non è un caso se è l’animale domestico più diffuso. In più forse non tutti sanno che, quando il gatto viene accarezzato e fa le fusa emette particolari ultrasuoni. In particolare essi hanno un effetto inconscio rilassante e di riduzione dello stress.

Accudire un gatto, in particolare un cucciolo neonato è impegnativo ma anche molto appagante. Cioè il cucciolo è totalmente dipendente da noi. Specialmente dobbiamo essere sempre attenti a percepire eventuali segni che indicano un disagio o malessere. Poi il gattino o il gatto vanno sempre curati seguendo il consiglio di un veterinario di fiducia, Cioè effettuare la somministrazione di medicine quando è necessario. Poi praticare le opportune vaccinazioni.

CURARE L’ALIMENTAZIONE DEL GATTO

https://www.emaldipets.com

In più è fondamentale che il gatto segua una alimentazione molto accurata. Cioè è indispensabile considerare che il gatto è un carnivoro. Oltretutto non ha parziali caratterisitiche di onnivoro come il cane. In altre parole una corretta alimentazione è indispensabile per una buona salute. Ma anche per il suo aspetto. Cioè per la bellezza del pelo, degli occhi e per una buona efficienza delle articolazioni e dell’apparato digerente. In più sconsiglio di dare al gatto gli avanzi dei nostri piatti. Cioè bisogna comprendere che gatto e uomo sono due esseri viventi con storie evolutive diverse. In altre parole quello che può essere benefico e gradevole per una gatto spesso non lo è per l’uomo.

ESIGENZE NUTRIZIONALI DEL GATTO

https://www.zooplus.it

https://www.zooplus.it

Immagine gratuita di addomesticato, adorabile, alimentatore

Il gatto ha una storia evolutiva che lo ha fatto diventare un carnivoro puro. Cioè il gatto selvatico si nutriva di piccoli animali del bosco. Poi, dopo la addomesticazione da parte dell’uomo, è stato utilizzato per migliaia di anni per combattere i topi. In altre parole, spesso, negli ambienti rurali, era l’animale domestico più diffuso. Cioè il concetto di gatto da compagnia è un’idea recente. Precedentemente essi dovevano sopravvivere dando la caccia i topi che infestavano i granai e le abitazioni. In particolare tutto questo ha fatto evolvere il gatto come un carnivoro puro. Cioè capace di metabolizzare quasi esclusivamente la carne delle prede. In altre parole, essendo un carnivoro puro ha la necessità di mangiare cibi ad alto valore biologico come la carne. In particolare gli amminoacidi indispensabili per i gatti sono taurina, arginina, lisina, metionina, finilalanina, treonina, triptofano e valina.

PARTICOLARI NECESSITA’ DI AMMINOACIDI E VITAMINE

https://www.isottacatinfluencer.com

Poi una carattteristica del gatto è quella che non è in grado di sintetizzare autonomamente taurina e arginina come fanno la maggior parte degli altri mammiferi. In più molti amminoacidi sono termolabili. Cioè si alterano con la cottura. In particolare il gatto si è evoluto nutrendosi della carne cruda delle prede. Oltretutto estrae la vitamina A direttamente del grasso animale. Anche perchè non ha la capacità. molto diffusa nel mondo animale di convertire in vitamia A il beta-carotene dei vegetali. A causa di tutte queste caratteristiche il gatto richiede un razionamento alimentare molto accurato. Cioè sono necessari amminoacidi ad alto valore biologico, sono indispensabili integrazioni di vitamina A, di taurina e di arginina.

In più è vitale che la dieta contenga dosi di un grasso contenuto nel pannicolo adiposo degli animali. Cioè l’acido arachidonico. In altre parole esso è, insieme all’acido linoleico uno dei due acidi grassi essenziali per la vita di un felino. Poi è indispensabile conoscere il fabbisogno calorico medio di un gatto. Cioè, è utile sapere quanto cibo dovremmo fargli mangiare senza il rischio che il nostro amico vada incontro a preblemi di salute. In altre parole dovremmo conoscere il suo fabbisogno calorico medio giornaliero. Ad esempio bisognerebbe conoscere la formula che permette di calcolare quante sono le calorie necessarie alla sua sopravvivenza. In altre parole esiste una formula che ci dice quante calorie sono necessarie per far vivere in buona salute un gatto. Cioè si moltiplica il peso in chilogrammi per 60, 70 oppure 80 se il gatto possa essere poco, mediamente o molto attivo.

PREPARAZIONE DI UNA DIETA CASALINGA PER GATTI E ESIGENZE NUTRIZIONALI

https://www.gattoblog.it

Nutrire un gatto con una dieta casalinga richiede molta più attenzione che nutrire con cibo fatto in casa un cane. . In particolare, come ha scritto nel paragrafo “ESIGENZE NUTRIZIONALI DI UN GATTO” ha fabbisogni nutrizionali tipici del carnivoro puro. In altre parole questo meraviglioso animale che, insieme al cane è l’animale domestico più diffuso ha peculiari necessità. Cioè di introdurre nell’alimentazione principi nutritivi presenti soprattutto nella carne cruda o poco cotta. Cioè vitamina A, taurina, arginina.

Ad esempio una dieta casalinga dovrebbe contenere il 66% (cioè 1/3) di carne, 15% di cereali (meglio il riso). 15% di verdure (un misto di zucchine, sedano, carote), 4% di olio vegetale (preferibilmente olio di semi di arachidi). In particolare questo olio contiene il preziosissimo acido arachidonico che è indispensabile per la buona salute del gatto. Poi, ovviamente su consiglio del veterinario, si possono aggiungere degli integratori se è necessario

ESIGENZE NUTRIZIONALI PARTICOLARI

https://www.petmagazine.it

La vita media di un gatto che è l’animale domestico più diffuso ben curato è superiore ai 15 anni e potrebbe arrivare anche a 20. Ma nel corso della sua esistenza il nostro animale potrebbe andare incontro a esigenze nutrizionali particolari. Cioè i gatti di casa sono spesso sterilizzati. In altre parole essi hanno bisogno di un razionamento alimentare particolare. In altre parole la mancanza di testosterone e, spesso la riduzione dell’attività motoria può farli ingrassare. Poi, se non vogliamo affidarci ai croccantini specifici per gatti sterilizzati potremmo prepare delle razioni casalinghe che sono molto più salutari. Cioè dovremmo ridurre di circa il 10% sia il contenuto calorico si il contenuto in grassi. Cioè ipotizziamo di avere un gatto mediamente attivo di 4 chili. In altre parole moltiplichiamo il peso in kg cioe 4 per il coefficiente per gatti mediamente atttivi, cioè 70. (vedi paragrafo “ESIGENZE NUTRIZIONALI DEL GATTO”).

In particolare dobbiamo fare la moltiplicazione 4(chili) x 70 (coefficiente) = 280 chilocalorie. Cioè questo sarà il fabbisogno calorico del gatto. Poi questo valore potrà subire delle correzioni. Cioè dobbiamo aumentare il valore del 10% se il gatto deve ingrassare percheè sottopeso. Oltretutto questo aumento del 10% lo applicheremmo durante le ultime tre settimane di gravidanza della gatta. Ma sarebbe utile ridurre il quantitativo calorico del 10% se voglimo che il gatto dimagrisca. Cioè dovremmo somministrare questo razionamento ridotto finchè il gatto non avrà riacquistato il suo peso ideale. In altre parole, durante questa fase è indispenabile controllare il peso del gatto almeno ogni due o tre giorni.


INSUFFICIENZA RENALE

https://www.miciogatto.it

Il gatto non più giovane ha la tendenza a soffrire di problemi renali. Cioè i reni del felino sono sottoposti ad un duro lavoro per tutta la durata della vita dell’animale. In altre parole il gatto ha la necessità di nutrirsi con una alimentazione molto ricca di proteine. Cioè il loro metabolismo produce come sostanza di rifiuto abbondanti quantità di acidi urici e urea che devono essere eliminati dai reni. In più un gatto non più giovane o con qualche patologia renale potrebbe avere difficoltà a eliminare questi acdi. Poi il loro accumio nel sangue potrebbe essere tossico. Prima di tutto, in queste condizioni di limitato funzionamento renale dovremmo aiutare il felini con una alimentazione corretta. Cioè fornirgli sempre acqua a disposizione. Poi dovremmo fornire al gatto una alimentazione povera di sodio e fosforo.

ESAMI DIAGNOSTICI

Immagine gratuita di analisi, anonimo, assistenza sanitaria

Il benessere del proprio gatto non più giovane è legato soprattutto alla buona salute dei reni. In altre palore è utile controllare i parametri renali del felino almeno una volta l’anno. In più ci sono segnali fisici che ci possono far pensare ad un decadimento renale. Esso è l’animale domestico più diffuso quindi tantissime persone hanno esperienza di convivenza con un gatto. Cioè questi problemi provocano polidipsia (consumo eccessivo di acqua). In più anche poliuria (produzione eccessiva di urina). Poi anche anoressia, secchezza del sottocute, perdita di peso. Allo stesso modo sono ancora più urili gli esami di laboratorio. In particolare essi ci potrebbero dare la conferma definitiva dello stato di malessere dei reni. Cioè sto parlando degli esami sul valore di urea, creatinina, potassio, peso specifico delle urine.

REGOLE PER LA BUONA SALUTE DEL GATTO

https://www.tuttosuigatti.it

Prima di tutto un animale domestico ha bisogno di tanta attenzione e affetto per vivere in buone condizioni di salute. Poi è utile osservare il suo aspetto per scoprire eventuali nuovi problemi. In più è fondamentale una buona alimentazione. Cioè, se ne siamo capaci sarebbe consigliabile una corretta alimentazione casalinga. Poi però il cibo per il gatto divrebbe esssere arricchito con alcuni integratori acquistabili nelle farmacie veterinarie. In altre parole dopo la preparazione casalinga il cibo dovrebbe esssere addizionato con sostanze vitali per il gatto come vitamina A. taurina, arginina, acido arachidonico.

dott. Massimiliano Mangafà

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: