BEAUTY AND WELLNESS WITH EXERCISE AND NUTRITION

Senza categoria

IL PIACERE DI POSSEDERE UN CONIGLIO

Il coniglio è un animale dolcissimo e affettuoso che ispira tenerezza. In altre parole, possedere questo animale dà la sensazione di avere accanto un essere molto dolce e simpatico. Cioè è un animale innocuo che la natura ha fatto evolvere per essere una preda. In altre parole l’evoluzione ha compensato la sua elevata vulnerabilità con una grande prolificità. Ad esempio i conigli hanno un periodo di gravidanza di 4 o 5 settimane a seconda della razza.

In più possono essere inseminati dopo soli due o tre giorni dopo il parto. Il numero di coniglietti nati per ogni parto è in media variabile da 5 a 8 ma potrebbe anche superare i dieci. Poi è necessario specificare che queste elevate prestazioni di crescita e riproduzione sono tipiche delle razze selezionate per l’allevamento e la produzione della carne. In altre parole tali prestazioni sono inferiori nel coniglio da compagnia.

Immagine gratuita di a casa, affascinante, animale
LA PIACEVOLE COMPAGNIA DI UN CONIGLIO

UN ANIMALE DOMESTICO CHE RICHIEDE MOLTA ATTENZIONE

https://www.myconiglietto.it

Cioè è ormai molto diffusa l’abitudine di possedere un coniglio come animale da compagnia perchè è un animale dolcissimo. Ma non bisogna dimenticare che essi sono esseri viventi dolcissimi e vulnerabili. In breve voglio dire che devono essere trattati, curati e nutriti con molta attenzione e amore. Per spiegare, bisogna dire che sono animali facilmente gestibili ma che hanno qualche necessità particolare.

IMPORTANZA DELLA CURA DEI DENTI

Cioè la natura ha dato a questi animali dei denti incisivi taglienti che crescono continuamente. In particolare, vivendo in libertà essi rosicchiano spesso qualcosa di duro, anche se non necessario. Cioè, in questo modo, provocano un consumo regolare degli incisivi che ne limita la crescita. In più, durante il mio lavoro di veterinario, mi è capitato di curare conigli che non avevano la possibilità, in casa, di rosicchiare qualcosa di duro. Di conseguenza, non potendosi comportare in modo naturale, avevano una crescita dei denti non sufficientemente compensata dal loro consumo regolare. Cioè i denti crescevano esageratamente fino a impedire una regolare masticazione. Poi essi diventano tanto lunghi da essere pericolosi. In altre parole potrebbero anche perforare il palato dell’animale. In particolare i denti sono un elemento molto importante nella vita del coniglio.

Cioè la crescita dentaria eccessiva provoca, oltre al rischio di lesioni, anche problemi di malocclusione. Ossia dovremmo dare al coniglio la possibilità di rosicchiare qualcosa. In particolare fieno, chicchi di mais, piccoli legni specifici. Cioè se i denti crescessereo eccesssivamente non sarebbe possibile la corretta chiusura della bocca. Ossia con conseguenti problemi ad alimentarsi. Poi per la salute dei denti del coniglio è fondamentale anche una dieta bilanciata dal punto di vista vitaminico e minerale. In più bisogna curare l’igiene dentaria. Cioè,dopo ogni pasto, dovremmo rimuovere l’eccesso con uno spazzolino. In particolare se osservassimo una eccessiva tendenza all’accumulo di residui di cibo tra i denti.

VALUTARE COSTANTEMENTE LE CONDIZIONI DI SALUTE DEL CONIGLIO

https://www.mondocarota.it

Immagine gratuita di albino, alice, animale domestico
OSSERVAZIONE ATTENTA DELLA SALUTE DEL CONIGLIO

In più è fondamentale che il coniglio abbia sempre a disposizione acqua fresca. Ossia dovremmo cambiare l’acqua almeno due volte al giorno. Infatti è un animale dolcissimo e delicato Poi è importante controllare regolarmente lo stato di salute dell’animale. Cioè è necessario valutare la consistenza delle feci. Poi anche la salute del pelo. Ossia bisogna essere attenti ad eventuali problemi di alopecia (perdita di pelo). Oltre a lesioni cutanee, problemi oculari come l’opacizzazione del cristallino, la presenza di uno scolo oculare che indicherebbe una eventuale infiammazione.

Poi un’altro elemento a cui prestare attenzione sarebbe una eventuale lacrimazione eccessiva. Dopodichè è utile valutare la posizione degli occhi all’interno delle orbite. Cioè una sporgenza eccessiva dei globi occulari detta esoftalmo. Infatti essa potrebbe idicare la presenza di infezioni nella cavità oculare. Poi è importante poter valutare la temperatura corporea del coniglio. Cioè, in condizioni normali dovrebbe esssere compresa tra 38,5°C e 40°C. Cioè esso richiede molta attenzione perchè è un animale dolcissimo e tranquillo che non mostra facilmente un eventuale malessere. In particolare sarebbe utile acquistare un piccolo termometro idoneo a misurare la temperatura rettale del coniglio.

MEDICINALI PER IL CONIGLIO DA AVERE SEMPRE IN CASA

https://www.veterinarioanimaliesotici.it

https://coniglioshop.it

Immagine gratuita di assistenza sanitaria, capsule, compresse
FARMACI IDONEI ALLA CURA DEL CONIGLIO E TERMOMETRO

In più il padrone di un coniglio dovrebbe avere un posto nel suo armadietto dei medicinali per alcuni farmaci utili alla cura dell’animaletto. Ossia non dovrebbe mancare una soluzione iodata al 5% per la disinfezione delle piccole ferite. Poi è consigliabile possedere un unguento a base di ittiolo che è utile per i piccoli problemi cutanei. In più è utile avere a disposizione anche una pomata a base di streptocide per curare piccole lesioni infette e piccole ustioni. Poi un perido di malessere del coniglio può provocare mancanza di appetito. Cioè l’animale può avere una calo della glicemia e potrebbe andare incontro alla chetosi. Ossia subirebbe le conseguenze di un problema autolimitante. Cioè con conseguente ulteriore calo dell’appetito che potrebbe avere esiti pericolosi.

In particolare, la chetosi si combatte eliminando i corpi chetonici. Cioè fornendo al coniglio una quantità sufficiente di glucosio che metabolizza i corpi chetonici e risolve il problema. In breve questa patologia metabolica si evidenzia con sintomi come anoressi, apatia, rallentamento del battito cardiaco, stitichezza. Poi l’inoculazione di pochi cc di soluzione glucosata al 5% sarebbero suffucienti a risolvere il problema. Inoltre mi rendo conto che poche persone sarebbero capaci di fare una flebo per via endovenosa ad un coniglio. Ma sarebbe molto più facile fare una semplice iniezione sottocutanea di soluzione glucosata. Ossia somministriamo lentamente 3 o 4 cc e valutiamo gli effetti. Poi, se necessario somministriamo ancora un poco di soluzione.

CONSIGLI PER LA SOMMINISTRAZIONE DEI FARMACI

https://www.animalipucciosi.com

Il coniglio è per natura un animale dolcissimo, pauroso e delicato. Cioè dovremmo manovrarlo sempre con grande cautela. In particolare quando gli somministriamo i farmaci. Cioè dovremmo avvicinarci a lui in maniera molto tranquilla e maneggiarlo con grande delicatezza. Poi bisogna considerare che esistono conigli con una indole collaborativa ma non è sempre così. In particolare lo dovremmo condurre in una stanza non troppo luminosa e silenziosa. Poi avvolgerlo nel cosiddetto “involtino di coniglio”. Cioè posizionarlo all’interno di una coperta morbida che lo abbracci in maniera rassicurante. Dopodichè gli possiamo somministrare la medicina con grande delicatezza.

Cioè, con questo sistema possiamo dare al coniglio farmaci per intramuscolo, gocce orali o oculari .In particolare, gli antibiotici più utilizzati per il coniglio sono l’enrofloxacina (Baytril) per risolvere problemi respiratori. Poi l’unica precauzione per questo medicinale è quello di evitare la somministrazione ad animali molto giovani. In più un altro farmaco utile è la benzilpennicillina. Cioè è utile perchè è un antibiotico ad ampio spettro simile alla pennicillina ma molto meglio tollerato dal coniglio. poi c’è anche la Oxytetracyclina.

CIECOTROFIA

Poi un’altro elemento importantissimo da prendere in considerazione è quello di non trascurare l’importanza della ciecotofia. Ossia è importante non rimuovere la maggior parte delle feci dalla lettiere del coniglio. Cioè la natura ha creato, per questi animali, un meccanismo nutrizionale molto particolare. In altre parole per essi è fondamentale poter ingerire una parte delle loro feci. Specialmente perchè, in questo modo, recuperano le sostanze alimentari non assorbite con la digestione. Poi nelle feci si forma una flora battterica che produce sostanze utili alla vita del coniglio.

dott. Massimiliano Mangafà

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: