BEAUTY AND WELLNESS WITH EXERCISE AND NUTRITION

Senza categoria

SOIA E DIETE PURIFICANTI E DIMAGRANTI

La soia è un alimento usato da migliaia di anni in oriente. In più che sta avendo una larga diffusione anche in Occidente in questi ultimi anni. La gente ormai è consapevole dei benefici che un uso costante e moderato della soia BIO può apportare. In particolare viene sconsigliata solo in caso di tumori al seno in corso). Poi è utilissimo includerla nelle diete dimagranti e depurative per varie ragioni. Prima di tutto ha un basso indice glicemico. Cioè innalza poco l’insulina che favorisce l’entrata degli zuccheri nelle cellule e la loro conversione in grassi.

Poi favorisce la costruzione (anabolismo) di massa magra a discapito della massa grassa. In più un pasto senza prodotti di origine animale apporterà notevoli benefici alla riduzione dei valori ematici di colesterolo e trigliceridi. In particolare, per questo motivo è stata considerata la soia e si è pensato di includerla nelle diete dimagranti. Allo stesso modo non verranno utilizzati prodotti derivanti dallo sfruttamento degli animali. Le POLPETTE DI SOIA sono un piatto gustosissimo, poco calorico, a basso indice glicemico.

POLPETTE DI SOIA

https://www.giallozafferano.it

INGREDIENTI : – 100gr. DI SOIA ESSICCATA ; – 250gr. DI PATATE ; – 2 CUCCHIAI DI AMIDO DI MAIS ; – AGLIO ; – PEPERONCINO – AMMOLLARE LA SOIA, BOLLIRE LE PATATE E SCHIACCIARLE IN MODO DA FORMARE UNA POLTIGLIA ; – MESCOLARE BENE I DUE COMPONENTI E AGGIUNGERE L’AMIDO DI MAIS PRECEDENTEMENTE SCIOLTO IN POCA ACQUA POI AGGIUNGERE AGLIO TRITATO E PEPERONCINO ; – FORMARE LE POLPETTE, SCHIACCIATELE E CUOCETELE AL FORNO A TEMPERATURA MEDIO ALTA PER 10 MINUTI. Servite le polpette calde con un contorno di insalata di pomodori conditi con olio e aceto balsamico.

E’ utilissimo includere la soia nelle diete dimagranti e depurative per varie ragioni. In particolare perchè ha un basso indice glicemico. Cioè innalza poco l’insulina che favorisce l’entrata degli zuccheri nelle cellule. Poi la loro conversione in grassi) e poi favorisce la costruzione (anabolismo) di massa magra a discapito della massa grassa. In particolare un pasto senza prodotti di origine animale apporterà notevoli benefici alla riduzione dei valori ematici di colesterolo e trigliceridi. In più non vengono utilizzati prodotti derivanti dallo sfruttamento degli animali. Una dieta non è finalizzata solo alla perdita di peso ma anche al raggiungimento del benessere psicofisico.

INSALATA CON TOFU E QUINOA

https://www.burrofuso.com

La ricetta dellì INSALATA CON TOFU E QUINOA è l’ideale per chi ha cura del suo corpo essendo. Cioè ricca di proteine, vitamine, sali minerali, grassi insaturi (quelli buoni), fibre. E’ anche molto rinfrescante e saporita il che ovviamente non guasta.

INGREDIENTI : -150gr. DI QUINOA ; -150gr. DI TOFU (lo si può preparare seguendo la ricetta nel blog) ; – 1 MAZZETTO DI RUCOLA FRESCA ; – 5 CUCCHIAI DI MAIS DOLCE ; – SEMI DI SESAMO ; – OLIVE FRESCHE ; – SALSA DI SOIA – LAVATE BENE LA QUINOA E BOLLITELA PER 15 MINUTI, POI SCOLATELA E AGGIUNGETE UN FILO DI OLIO EXTRAVERGINE DI OLIVA ; – PREPARATE UNA VINAGRETTE MESCOLANDO SALSA DI SOIA E SEMI DI SESAMO – MESCOLATE LA VINAGRETTE ALLA QUINOA ; POI AGGIUNGETE LA RUCOLA, IL TOFU TAGLIATO A DADINI, IL MAIS, LE OLIVE TAGLIATE A RONDELLE E QUINDI MESCOLATE DI NUOVO.

Quinoa, Insalata, Sano

La soia è un alimento usato da migliaia di anni in oriente. In più sta avendo una larga diffusione anche in Occidente in questi ultimi anni. Poi la gente ormai è consapevole dei benefici che un uso costante e moderato della soia BIO può apportare. Ma viene sconsigliata solo in caso di tumori al seno in corso). In particolare è utilissimo includerla nelle diete dimagranti per varie ragioni. Prima di tutto ha un basso indice glicemico. Cioè innalza poco l’insulina che l’entrata degli zuccheri nelle cellule e la loro conversione in grassi. Poi favorisce la costruzione (anabolismo) di massa magra a discapito della massa grassa. In più una colazione senza prodotti di origine animale apporterà notevoli benefici alla riduzione dei valori ematici di colesterolo e trigliceridi. Ancora non utilizzarè prodotti derivanti dallo sfruttamento degli animali.

RICETTA

Si dice che il pasto più importante della giornata sia la colazione. Cioè sarebbe molto positivo per la salute includere all’inizio della giornata un buon pasto a base di soia. Quindi suggerisco ai miei lettori un’ottima bevanda che potrebbe essere la base della colazione per vegetariani, vegani e per chiunque sia attento alla propria salute. Inoltre è anche molto gustosa e rinfrescante. Cioè con essa si possono combinare il sapore con notevoli benefici per la salute rimanendo fedeli alla fede vegana. Sto parlando di un ottimo frullato cioè il FRULLATO DI SOIA E BANANA

INGREDIENTI : – 2 BANANE MATURE ; – 350ml DI LATTE DI SOIA ; – 5 CUCCHIAINI DI FARINA DI SOIA ; – 1 CUCCHIAINO DI CACAO AMARO IN POVERE. QUESTA BEVANDA PUO’ ESSERE LA BASE DI UNA COLAZIONE MOLTO SALUTARE. CIOE’ CONTENENTE I CARBOIDRATI DEL LATTE DI SOIA E DELLA BANANA, LE PROTEINE DELLA SOIA E GLI ANTIOSSIDANTI DI SOIA E CACAO. E’ ANCHE MOLTO SAPORITA E SARA’ APPREZZATA DA GRANDI E BAMBINI OLTRE AD ESSERE MOLTO SEMPLICE DA PREPARARE E POVERA DI CALORIE.

SMOOTHY

Lo SMOOTHY ha un aspetto simile a quello di un frullato. Ha una composizione esclusivamente vegetale quindi è una bevanda gradita ai vegetariani e ancora di più ai vegani. Poi contiene la soia ed è bene includerla nelle diete dimagranti. Ma posso dire, per esperienza personale, che piace a chiunque. Poi è il tipico drink da happy hour che si può ordinare in un buon bar in centro città. In più che può far parte dei drink serviti nei punti ristoro dei migliori centri benessere nelle grandi città dopo una seduta dispinning o aerobica. La versione veggy di questa bevanda contiene latte vegetale e questo lo rende ugualmente nutriente ma più leggero e digeribile. Assumerà l’aspetto di un sorbetto quando lo uniremo al ghiaccio tritato finemente.

Se preparato con cura può essere un “piatto” completo. Cioè ai carboidrati semplici e alle vitamine e sali minerali della frutta e/o verdura si possono aggiungere fonti proteiche 100% vegane. Così come soia,i derivati della soia BIO o altri legumi. E’ ovvio che la soia è il prodotto vegetale più ricco di legumi e a più alto valore biologico. Cioè grazie alla sua capacità di captare l’azoto atmosferico e di formare cmposti azotati proteici. In altre parole io consiglio di preferirla quando sceglieremo gli ingredienti per preparare lo smoothie.

Smoothy, Vetro, Sedano, Coltello

SOIA E DIETE DIMAGRANTI

https://www.viversani.net

Per quanto riguarda la soia si è visto che è positivo includerla nelle diete dimagranti. Poi, oltre alla soia sono disponibili altri legumi come fagioli, ceci, lupini ecc. Ma nessuno ha le caratteristiche della soia per quanto riguarda la ricchezza di proteine ed il valore biologico. Poi le nuove tendenze salutistiche della nuova borghesia “illuminata” e attenta al proprio benessere psicofisico hanno indotto la scelta di bevande prive sia di alcool. Anche di prodotti di origine animale ma comunque molto saporite e nutrienti.

Cioè la nuova borghesia che è nata soprattutto nelle grandi città è spesso giovane. In più attenta alla salute e alla forma fisica oltre ad essere dotata di una forte coscienza animalista ed ambientalista. Cioè la diffusione di questi “nuovi cocktail” stà progressivamente soppiantando quella dei cocktail alcolici. In particolare tanto presenti nelle abitudini di chi è un appassionato degli happy hour e di semplici spuntini salutari nei migliori bar.

Questa tendenza è tipica della borghesia delle grandi città cosmopolite ed è in rapida diffusione ovunque e soprattutto nei punti ristoro dei migliori centri benessere. L’interesse per queste nuove bevande analcoliche è determinato dalla consapevolezza riguardo la loro salubrità essendo prive di alcool. Poi anche ricche di frutta, di proteine di origine vegetale e prive di colesterolo nocivo ( LDL) ma contenenti quello benefico (HDL).

NUOVE TENDENZE

Gli ingredienti degli smoothies avranno una elevata funzione antiossidante, depurativa e antitumorale. Ancora andrebbero considerati prodotti salutari in linea con le nuove linee della nutraceutica. Poi anche prodotti “trendy” cioè in linea con le nuove tendenze. Cioè che portano ad un interesse verso la salute e verso il ridotto uso di prodotti di origine animale. Oltretutto in questo blog ho riportato delle ottime ricette vegane a base di soia. Poi anche molto semplici da preparare che ho provato personalmente e che uniscono buon sapore, rispetto per la natura e attenzione alla salute.

Da molti anni si osserva una crescita esponenziale dell’interesse nei confronti di una cucina che non preveda l’uso di prodotti di origine animale. Questa “rivoluzione culturale” trae origine dall’evoluzione che la società ha subito recentemente. Si è diffusa una cultura salutista, una ricerca dei prodotti NO-OGM, una cultura ambientalista e animalista che era assolutamente assente nelle epoche precedenti. L’informazione televisiva e la maggiore diffusione della cultura tra strati sempre più ampi delle popolazione ha mutato il rapporto con gli animali. Ma anche con il cibo che quotidianamente arriva sulle nostre tavole. Tutti sanno che una alimentazione ricca di prodotti di origine animale prolungata nel tempo è dannosa per la salute. In particolare perchè provoca aumento di peso, del colesterolo, dei trigliceridi e della pressione sanguigna. La conseguenza sarebbe un peggioramento dello stato di salute ed un accorciamento dell’aspettativa di vita.

CURA PER L’AMBIENTE

https://www.silhouettedonna.it

Per quanto riguarda l’ambiente è noto che l’allevamento è una pericolosa fonte di inquinamento da azoto sui terreni. Cioè l’alimentazione iperproteica degli allevamenti provoca la produzione di feci ricche di azoto e quindi molto inquinanti ; è da considerare anche la distruzione di boschi e foreste per far posto a colture di mais e soia destinate alla zootecnia. In particolare sempre maggiore sta diventando in questi anni il rifiuto o la riduzione del consumo di prodotti di origine animale. Specialmente dovuto alla coscienza delle sofferenze provocate agli animali dall’industria zootecnica. Tutto ciò ha prodotto un grande interesse nei confronti delle alternative vegane e salutari agli alimenti di origine animale.

L’arte culinaria si è evoluta producendo ricette che non prevedono l’utilizzo di prodotti animali. Poi esse sono ottime per la salute e, al tempo stesso, molto saporite e, in molti casi anche parecchio raffinate. La nuova borghesia, soprattutto se di giovane età è alla ricerca di sapori delicati, raffinati e di ricette rispettose dell’ambiente e del benessere degli animali. In più è ormai accertato che la soia è possibile includerla nelle diete dimagranti. La vellutata è un piatto raffinato che trae origine dalla cucina francese e ha subito numerose evoluzioni nel corso dei secoli. Una delle versioni più apprezzate dai buongustai. In più anche per la sua salubrità, l’assenza di prodotti di origine animale, la raffinatezza e l’ottimo sapore è la vellutata di soia. Insaporita dalla delicatezza e cremosità del tofu e dall’aroma della cannella.

VELLUTATA DI TOFU E CAROTE 

Tofu, Cibo, Soia, Vegetariano, Vegetale

VELLUTATA DI CAROTE, TOFU E CANNELLA : INGREDIENTI : – 500gr. DI CAROTE ; – 2 SCALOGNI ; – 1 PATATA GRANDE ; – 4 FOGLIE DI ALLORO ; – TIMO ; – 1 CUCCHIAINO DI BRODO VEGETALE GRANULARE ; – 1 CUCCHIAINO DI CANNELLA ; – SALE E PEPE

– TAGLIATE LE VERDURE A TOCCHETTI E SOFFRIGGETELE CON OLIO POI INSAPORITELE CON CANNELLA, SALE E PEPE ; – COPRITE CON ACQUA BOLLENTE E AGGIUNGETE DADO, ALLORO E FAR CUOCERE PER CIRCA 20 MINUTI FINCHE’ LE VERDURE SARANNO MORBIDE ; – RIMUOVERE LE FOGLIE DI ALLORO E FRULLARE CON UN FRULLATORE AD IMMERSIONE. In base alla densità che preferite potete mettere la vellutata sul fornello per qualche minuto. Cioè per farla “asciugare” un po’ oppure potreste aggiungere poca acqua per renderla più fluida).

Potete servirla a tavola calda o tiepida con dei crostoni di pane abbrustolito a disposizione dei commensali. Se è gradito si può strofinare il pane con un po’ di aglio.

dott. Massimiliano Mangafà

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: